Domenica 28 ottobre 2018
in 120 città dell'olio italiane

Rapolla (PZ)



Città delle cantine e delle acque termali, Rapolla è un piccolo centro del Vulture Melfese dalle infinite risorse. Vale la pena prevedere una sosta in paese, passeggiare per le strette e suggestive stradine in ripida ascesa verso la sommità del colle, fino a raggiungere la duecentesca cattedrale, da cui si gode il panorama sull’intera vallata e sulle numerose e caratteristiche cantine ipogee che costituiscono il noto “Parco Urbano delle Cantine”, ad ottobre teatro di un rinomato evento enogastronomico. Nel territorio di Rapolla sgorgano diverse sorgenti di acque minerali, in parte sfruttate per cure termali, fanghi e bagni. Visitare Rapolla consente di fare un salto nella storia, lo si percepisce subito visitando il suo centro storico e attraversandone gli antichi rioni. Nel quartiere Piano Castello sono subito visibili i resti delle mura di cinta, in particolare una torre circolare, mentre in Largo Castello si possono ammirare la Torre dell’Orologio e alcuni edifici storici, come Palazzo Lupo, Palazzo Brienza con il suo portale bugnato, Palazzo Megale, in stile liberty, e il Palazzo Dardes. Spettacolare la vista che si gode dal belvedere del Largo Castello. Qui, nella zona sottostante, in Via Monastero, si stagliano sotto gli occhi di chi osserva tante cantine scavate nel tufo utilizzate ancora per la conservazione del pregiato vino Aglianico Doc del Vulture. Esse compongono il Parco Urbano delle Cantine che in autunno si trasforma in una location dalla suggestione unica in occasione di un noto evento enogastronomico. Dopo stradine, scalinate, vicoli e piazzette si raggiunge, in Via dei Fabbri, la Porta dell’Annunziata. Non si può ammirare a Rapolla, dal momento che è custodito nella Torre dell’Orologio del castello di Melfi, ma appartiene a questo territorio, lo splendido Sarcofago di Rapolla, della seconda metà del II secolo d. C., proveniente dall’Asia Minore e ritrovato nel 1856 lungo la via Appia antica. Appartenuto di certo a un personaggio di rango elevato sul coperchio è raffigurata la defunta sdraiata.

INFO PERCORSO

 

La camminata si svolge lungo una antico sentiero in C/da Piano di Ruca che costeggia in alcuni punti la via Appia Antica. Immerso negli oliveti il percorsi attraversa le antiche grotte dei Briganti, dove si nascondevano dopo le loro malefatte; si alternano zone di strada cementata a zone di strada mulattiera rimasta inalterata nel tempo.

La vista paesaggistica è alquanto affascinante perché è possibile osservare sia la grazia delle coltivazioni di olivo, sia il paesaggio collinare con ruderi risalenti al fascismo. L’escursione offre ispirazione grazie alla varietà dei paesaggi dal verde degli oliveti alle colline rocciose, alle grotte ed ai ruderi, per appassionati di fotografia. La partenza avviene presso Presso c/da Pian di Ruca su strada asfaltata, prosegue fino ad incrociare c/da Filare degli Ulivi su strada misto cemento/sterrato, per concludersi in c/da Caselle nei pressi della via Appia. Durante il percorso verrà predisposto un punto di ristoro in collaborazione con la Pro Loco del comune di Rapolla dove si potranno degustare  prodotti tipici a base di olio extravergine d’oliva, focaccia, pane e olio.

Itinerario

 Tempo di percorrenza: 4h
 Lunghezza del percorso: 5km
 Difficoltà: Media
 Luogo di partenza: C/da Piano di Chiesa c/o Società Cooperativa “Rapolla Fiorente”
 Orario di partenza: 9.00
 Info: sindaco@comune.rapolla.pz.it
 Telefono: 0972647219

In questa città trovi

 Produttori di olio: 550
 Aziende olivicole: 100
 Frantoi: 3
 Eventi dedicati all'olio:

5


 Ricetta tipica a base di olio EVO:

Pancotto con con le cime di Rape e peperoni cruschi


Cerca la città dell'Olio
che partecipa alla
Giornata nazionale della Camminata tra gli Olivi