Domenica 25 ottobre 2020
in 56 città dell'olio italiane

Cuglieri (OR)



La città di Cuglieri domina il versante occidentale del Montiferru, che con i sui 120 chilometri quadrati, è il più vasto della provincia di Oristano. La Strada Statale 292, crea quasi un confine  fra due zone morfologicamente differenziate: una pianeggiante e l’altra collinare-montuosa. Il rapporto tra mare e montagna è strettissimo: dalle cime più elevate, distanti appena dieci chilometri dalla costa, il mare è sempre visibile.  Dalle cime più alte del Montiferru il territorio degrada sino alle coste alte e rocciose di Cabu Nieddu, a quelle calcaree di Santa Caterina e di S’Archittu, ricche di splendide insenature modellate dall’acqua, e a quelle basse e sabbiose di Is Arenas, oggi ricoperte da una lussureggiante pineta. Fanno parte del comune di Cuglieri le località balneari di Santa Caterina di Pittinuri, S’Archittu e Torre del Pozzo.  Il clima è mite, anche se negli inverni particolarmente rigidi cadono abbondanti nevicate.

INFO PERCORSO

Alle ore 09.00 raduno dei partecipanti in via Vittorio Emanuele fronte ex Seminario Regionale, ci si avvia a piedi percorrendo le vie del centro storico verso la Basilica di Santa Maria della Neve. Dal sagrato della Basilica, punto più alto e panoramico del paese, si possono ammirare le distese degli oliveti storici del territorio di Cuglieri verso la Planargia, individuando la meta della camminata tra gli olivi: l’olivastro millenario. Dalla Basilica si fa rientro al parcheggio e in macchina si raggiunge, appena fuori dal paese, il sentiero che si inoltra tra gli oliveti storici  e porta all’olivastro millenario. A piedi si percorre il sentiero tra gli olivi, si raggiunge l’olivastro millenario. L’olivastro millenario, patriarca verde, esempio di archeologia botanica, si trova alla periferia del paese in località,”Tanca manna” . Alto venti metri, con una circonferenza di dieci. L’albero si è aggiudicato il premio della critica nazionale ”Amici degli alberi” 2014 ed è meta di visitatori ammirati dalla sua maestosità. La camminata prosegue per i sentieri circondati dagli olivi centenari. Si fa rientro e si raggiungono i due frantoi, l’oleificio Peddio dei fratelli Cocco e l’oleificio di Sebastiano Idda, entrambi in località Barones, suddivisi in due gruppi si procede alla visita guidata dei frantoi, attualmente in produzione, dove si scoprirà  come avviene la molitura delle olive con i sistemi più moderni, seguirà la degustazione dell’olio. Dai frantoi con le macchine si raggiungerà il Museo dell’olio, con visita guidata dal proprietario dott. Giorgio Zampa, che spiegherà come avveniva l’estrazione dell’olio storicamente. Il Museo è organizzato su due piani, grazie alla ricca raccolta di macchinari e di oggetti vari, offre la possibilità di conoscere e ricostruire anche altri aspetti della tradizione e della civiltà contadina di un tempo, mostrando utensili da lavoro ormai sconosciuti alle nuove generazioni. E’ importante testimonianza di come la cultura dell’olio distingue da secoli questo territorio.  Al termine della mattinata si potrà andare a pranzo nei due ristoranti presenti in paese: ristorante Desogos e ristorante Meridiana oppure nei ristoranti presenti nelle borgate marine: La Scogliera (Santa Caterina di Pittinuri) ristorante Marongiu e Alta Marea (S’Archittu)Il Capitano e La Capannina (Torre del Pozzo).

I visitatori verranno accompagnati da una guida locale e dai barracelli. E’ prevista la visita ai due frantoi e al Museo dell’olio.

 

Itinerario

 Tempo di percorrenza: 5h
 Difficoltà: Facile
 Luogo di partenza: Via Vittorio Emanuele II , fronte ex Seminario Regionale
 Orario di partenza: 9.00
 Info: ass.cultura@comune.cuglieri.or.it
 Telefono: 3287284176

Cerca la città dell'Olio
che partecipa alla
Giornata nazionale della Camminata tra gli Olivi