Domenica 30 ottobre 2022

Seneghe (OR)



Si arrampica sul monte sos Paris, nel versante est del Montiferru, immerso in boschi di lecci e sughere, irrorati da sorgenti benefiche’, non a caso il nome risalirebbe a s’ena (vena sorgiva). Seneghe è un centro agricolo di mille e 800 abitanti, che conserva un suggestivo centro storico e un ricco patrimonio archeologico, all’interno di un paesaggio ideale per escursioni e ricoperto da olivi (65 mila alberi in 200 ettari). Il borgo è noto per produzione di miele e, soprattutto, di olio d’oliva, che nel 1994 ha ricevuto l’‘Ercole olivario’, massimo premio nazionale. Il Comune è socio-fondatore delle città dell’olio. All’olio sono dedicate famose manifestazioni: a fine anno, nella seicentesca casa aragonese, la consegna del premio Montiferru e a fine novembre, Prentzas Apertas, occasione per assaporare anche formaggi e dolci lungo vie del centro e vecchi frantoi. L’economia è storicamente fondata anche su allevamento e artigianato: eccellenze sono carni del ‘bue rosso’, formaggio casizolu, manufatti di legno, pietra e ferro, strumenti musicali e abiti tradizionali. La villa de Seneghe è citata nel condaghe di santa Maria di Bonarcado insieme alla sua chiesa più significativa, Santa Maria de sa rosa, all’ingresso del paese e risalente a XI-XII secolo. A inizio luglio è sede della festa più coinvolgente e di un’ardia (corsa di cavalieri). Il paese si sviluppa attorno alla baroccheggiante (ex) parrocchiale dell’Immacolata Concezione, consacrata nel 1893, la cui cupola alta 36 metri svetta in cima a sos Paris. La nuova parrocchiale di san Sebastiano martire è stata ultimata cinque anni dopo. A poche centinaia di metri si trovano la piazza dei Balli, cuore pulsante del borgo, e la seicentesca chiesa di sant’Antonio da Padova, testimone dell’epoca spagnola. Le piazze sono costellate da pozzi e fontane. Il 20 gennaio il falò per san Sebastiano dà inizio al carnevale seneghese, che termina il martedì grasso con sas andanzias, spettacolari danze. Suggestivi i riti della Settimana Santa, accompagnati dai cori a cuntrattu, a quattro voci. Al canto è legata la poesia: a inizio settembre, come d’incanto, il paese si popola di appassionati di letteratura per il festival internazionale Cabudanne ‘e sos poetas, premiato nel 2009 quale migliore evento poetico italiano e preceduto di pochi giorni dalla rassegna Musica senza confini. Giugno è tempo di feste religiose, in onore di sant’Antonio, san Giovanni e un’altra ardia dedicata ai santi Pietro e Paolo. Dall’abitato, incastonato tra rilievi e pianura, intraprenderai itinerari nel Montiferru con vedute mozzafiato su vallate del Campidano, penisola del Sinis e vette del Gennargentu. Nelle cime dominano lecci e agrifogli: da esplorare le foreste di Pabassiu e il bosco su Monte, dove osserverai alberi secolari. Il territorio è frequentato dal Neolitico, come mostrano dolmen e menhir, e fu densamente abitato nell’età del Bronzo: un centinaio di monumenti nuragici circondano il paese, che fanno di Seneghe uno dei Comuni a più alta densità nuragica e meta di itinerari archeologici. Tra le tombe di Giganti si distinguono quelle di Serrelizzos e s’Omo de sas zanas, tra i nuraghi ben conservati, quello ‘a corridoio’ Narba, il quadrilobato Zinzimureddos, il trilobato Campu e i monotorre Lande e Littu. Tra tutti spicca la maestosa reggia quadrilobata di Mesu Maiore. Tra i numerosissimi reperti si distinguono una testa femminile in marmo, una piccola testa di leone e un medaglione in bronzo. Di età fenicia rimane intatto il selciato della strada da Cornus al villaggio di Serrelizzos. Del dominio romano la maggiore eredità è la fonte termale Funtana Fraigada. Vivrai anche il fascino decadente dell’archeologia industriale in un luogo impervio e abbandonato: la miniera su Enturgiu con villaggio minerario immerso nei boschi. Già i cartaginesi la esplorarono alla ricerca del filone di ferro, furono poi gli spagnoli a eseguire scavi e, nel XVIII secolo, i Savoia a occuparsene.

PERCORSO

La Camminata tra gli ulivi attraverserà l’agro di Seneghe nella zona maggiormente dedicata all’olivicoltura. Ecco il precorso nel dettaglio:

Di asd Montiferru MTB
a) percorso in mountain bike alla scoperta dei luoghi di coltivazione dell’olivo, dell’olivicoltura seneghese a 360 gradi e del patrimonio archeologico della zona. Partenza per le 9 e passaggio per la zona Barraghe, si prosegue di nuovo verso la provinciale sp16 con passaggio in oliveti zona Linna De Seneghe e terreni civici (Cadennaghe e Nuraghe Bruncu). Breve sosta didattica sugli usi civici con rinfresco in località Cadennaghe. Ripartenza e ritorno verso il centro abitato, attraverso gli oliveti con breve sosta in villaggio nuragico in località Chimbeiua.
Cooperativa di comunità Mussura
b) caccia al tesoro per bambini delle scuole elementari, con location in una delle vigne gestite dalla Cooperativa consociata con ulivi. Gli indizi, indovinelli e mappe per trovare i tesori saranno inerenti a prodotti del posto e vegetazione locale, con particolare riferimento alla coltura dell’ulivo.
c) in collaborazione con la Proloco, l’oleificio sociale di Seneghe e Azienda agricola Gian Luigi Salaris: percorso a piedi di circa 7 km. Visita due vigneti tradizionali gestiti dalla cooperativa e due oliveti storici. Durante tutto il percorso si illustreranno i vari aspetti produttivi delle due colture, con parallelismi su fattori produttivi, culturali e qualitativi.
d) laboratorio per bambini tra i 6 e i 10 anni (età di scuola primaria) da svolgere in un oliveto in località Pardu Maiore o Prumosa (in ogni caso da raggiungere in non più di 15 minuti di camminata dal paese). Durante il laboratorio ogni bambino diventerà un animale o un elemento che vive o frequenta gli oliveti. Useremo lo yoga per imitare i movimenti di questi animali o elementi, imiteremo le loro voci, andremo alla ricerca del cibo che preferiscono e cercheremo un luogo ideale dove possono trovare rifugio o dove possono costruire il loro giaciglio/tana/nido. Scopriremo come tutti questi animali/elementi dell’oliveto sono collegati. come senza l’uno non ci può essere l’altro, noi inclusi. cosa succede se togliamo o aggiungiamo un elemento? Costruiremo insieme la rete della vita, capiremo così che nell’oliveto non c’è nessun rifiuto, tutto e tutti hanno un ruolo importante. durante il laboratorio cercheremo di introdurre anche i principi etici della permacultura: cura della terra, cura delle persone e condivisione delle risorse.  Il laboratorio si svolgerà tra le 10.00 e le 12.00 di domenica mattina 30 ottobre, con un minimo di 8 e un massimo di 16 bambini.
  • PERCORSO A (MONTIFERRU MTB): 12 KM CIRCA
  • PERCORSO B (COOPERATIVA MUSSURA): ALL’INTERNO DELLA VIGNA
  • PERCORSO C (COOPERATIVA MUSSURA, PROCOLO, OLEIFICIO SOCIALE-AZIENDA AGRICOLA GIAN LUIGI SALARIS): 7-8 KM CIRCA
  • PERCORSO D: L’ATTIVITÀ SI SVOLGERÀ IN LOCALITÀ PARDU MAIORE O PRUMOSA, IN OGNI CASO IN UN OLIVETO DA RAGGIUNGERE IN NON PIÙ DI 15 MINUTI (MAX 5KM) A PIEDI DAL PAESE.
L’evento è organizzato da Associazione Turistica Proloco Seneghe in collaborazione con: Associazione Sportiva Dilettantistica Montiferru Mtb, Azienda Agricola Gian Luigi Salaris, Azienda Agricola Pretziosa Di Giovanni Mastinu, Azienda Agricola Fratelli Andria, Cooperativa di Comunita’ Mussura, Associazione Culturale Perda Sonadora, Associazione Turistica Proloco Seneghe, Oleificio Sociale di Seneghe S.C.A. Yoga&Natura S.N.C. Di Katherine May. Ed è sponsorizzato da Geomoving di Manuel Cubeddu, Campagnola Srl
e Alim.Sar S.A.S. di Bruno Cosseddu.
In caso di maltempo gli incontri saranno posticipate alla settimana successiva.

 

Itinerario

 Tempo di percorrenza: dalle 2h alle 3h
 Lunghezza del percorso: dai 7km ai 15 in base al percorso
 Difficoltà: Facile
 Luogo di partenza: Località su Enale 40°05'10.0"n 8°37'06.2" e spazio a sufficienza per sosta auto. L'attività per i bambini parte dal giardinetto a fianco all’oleificio.
 Orario di partenza: L’orario di partenza per i percorsi A, B e C ore 9.00. Percorso D, ore 9.45
 Info: proloco.seneghe@tiscali.it
 Telefono: 392 466 9830

In questa città trovi

 Produttori di olio: 150
 Aziende olivicole: 360
 Frantoi: 1
 Eventi dedicati all'olio:

10


Cerca la città dell'Olio
che partecipa alla
Giornata nazionale della Camminata tra gli Olivi