Domenica 25 ottobre 2020
in 56 città dell'olio italiane

Pietracatella (CB)



Pietracatella è un piccolo centro del basso Molise situato ai confini con laprovincia di Foggia. Il paese è arroccato su di uno sperone roccioso di natura tufacea, a circa 725 metri s.l.m., che dagli abitanti del luogo, i Pietracatellesi, viene denominato“Morgia”. Da qui è possibile ammirare un vasto panorama: l’abitato domina lavalle del Tappino. Guardando ad est è visibile il lago di Occhito e i primi centri delle Puglie, mentre ad ovest è possibile scorgere Campobasso. Secondo la tradizione più comune[senza fonte], il paese sarebbe sorto nel XV secolo dall’unione di due casali, quello di “Petra”, corrispondente all’attuale sito, e quello di “Catella”, distante pochi chilometri dal primo. Gli abitanti di “Catella” emigrarono, forse in seguito al terremoto del 1456, a “Pietra”, dando origine all’università ingrandita di “Predicatiello” (da “Petra” et “Catella”). Un tempo il paese era sovrastato da un imponente castello, di cui ora non restano che poche tracce, mentre il complesso architettonico più importante e prossimo ad esso, è la Chiesa di San Giacomo Apostolo il Maggiore, con annessa cripta dedicata a Santa Margherita risalente all’XI secolo.

INFO PERCORSO

Il percorso si snoda nel primo tratto tra le strade cittadine, al fine di mostrare le bellezze storico-architettoniche del luogo e nel secondo tratto in aperta campagna fino ad arrivare alla Taverna presente sul Tratturo Lucera-Castel di Sangro. La partenza è da Piazzetta G. Marconi, in un vicolo caratteristico nel centro del paese. Da qui si sale fino alla Chiesa di San Giacomo, in cui è conservato il più antico crocifisso ligneo del Molise, ed al belvedere, dove un tempo sorgeva il Castello. Proseguendo si scende nuovamente attraverso i vicoli del paese dove si possono ammirare la Chiesa di Santa Maria di Costantinopoli e la Chiesa parrocchiale di San Giovanni Battista, quest’ultima adiacente un frantoio oleario visitabile. Terminata la passeggiata in paese inizia il trekking; il fondo stradale passa dall’asfalto, allo sterrato all’aperta campagna ed è così che, tra erba, fiori, ulivi e grano ci si incammina lungo il vecchio sentiero che le donne del paese percorrevano, giorno dopo giorno, durante il periodo di raccolta delle olive. Poco oltre la metà del percorso è prevista una sosta durante la quale, sul “Colle della Caccia”, immersi tra gli ulivi e con la vista di Villa Grimalda, antico monastero Benedettino trasformato poi in residenza da parte della Famiglia Grimaldi, si potrà degustare la merenda per eccellenza: pane, olio e sale. Dopo la pausa ristoratrice ci si incammina verso la meta, la Taverna sul Tratturo Lucera-Castel di Sangro, antico luogo di sosta dei transumanti. Prima di arrivare, però, non ci si può non fermare alla “Morgia Pescacciuta” e godere del panorama che spazia dal Matese alle prime colline pugliesi. Giunti alla Taverna si terrà un incontro, a cura di un archeologo, che intratterrà i partecipanti sul tema di “Presenze storiche sul tratturo Lucera-Castel di Sangro: narrazione attraverso lo studio delle antiche monete rinvenute”. Al termine degustazione di prodotti locali.

NOTA – In caso di maltempo si prevede la visita a tre siti, due in paese, uno fuori. Chiesa di San Giacomo e Frantoio in paese, Taverna fuori paese, situata sul Tratturo Lucera-Castel di Sangro raggiungibile in macchina in circa 5 minuti. Qui racconti storici e della tradizione con degustazione di prodotti tipici.

Itinerario

 Tempo di percorrenza: 2h
 Difficoltà: Media
 Luogo di partenza: Belvedere - Via Fontanelle
 Orario di partenza: 9.00
 Info: proloco.pietramurata@gmail.com
 Telefono: 329.4468431

Cerca la città dell'Olio
che partecipa alla
Giornata nazionale della Camminata tra gli Olivi