Domenica 28 ottobre 2018
in 120 città dell'olio italiane

Duino Aurisina (TS)


Duino (Devin) è un delizioso paese stretto intorno al castello del principe di Torre e Tasso e al castello vecchio, ormai ridotto ad una suggestiva rovina, un fortilizio di piccole dimensioni ben protetto dalle rupi strapiombanti sul mare e unito da un passaggio fortificato al borgo vero e proprio. Duino è anche il paese in cui sfocia il sentiero Rilke, la splendida passeggiata sul ciglione carsico a picco sul mare, un sentiero dedicato al poeta tedesco Rainer Maria Rilke, che soggiornò a Duino tra il 1811 e 1912 e che dall’incanto di questi luoghi trasse l’ispirazione per le famose “Elegie duinesi”.Duino, inoltre, è la sede del Collegio del Mondo Unito dell’Adriatico, un collegio dove studiano, imparano e crescono 200 studenti di tutto il mondo. L’abitato di Aurisina, sede Comunale, si palesa con il suo nucleo storico e gli edifici tipici della regione carsica, dove sono presenti strutture di rilevante interesse adibite a mostre e convegni. Sulla piazza domina la Chiesa di S. Rocco (1795) con la statua del Santo sulla facciata: al suo interno ci sono affreschi di F. Furlanis e un altare maggiore del periodo barocco. La particolarità dell’area circostante l’abitato è determinata anche dal paesaggio delle storiche cave della famosa pietra di Aurisina. In particolare, la Cava Romana, posizionata nelle vicinanze della stazione ferroviaria, è una delle più antiche e presenta al suo interno immagini molto spettacolari, con pareti verticali che superano i 100 metri. Oggi Aurisina è un paese importante, sviluppato, composto da quattro frazioni: Aurisina Centro, Aurisina Santa Croce, Aurisina Cave e Aurisina Stazione. Aurisina Centro è la parte più antica, più piacevole e suggestiva, con le tipiche case carsiche appoggiate l’una all’altra, qualcuna ancora con i caratteristici tetti in pietra. Il paese vecchio di Aurisina è un susseguirsi di case grandi e piccole, con piccoli orti, spaziosi cortili, cisterne per l’acqua e gli onnipresenti portali in pietra bianca, un segno caratteristico e peculiare del Carso. Molto particolare è anche la piccola piazzetta “Krzada”, caratterizzata dalla vecchia cisterna pubblica del paese e circondata da un dedalo di stradine, dove avventurarsi per scoprire le case più belle della vecchia Aurisina. Il tratto più peculiare della frazione di Aurisina Stazione è invece la più grande stazione della Ferrovia Meridionale sul Carso. La stazione di Aurisina merita una visita soprattutto per un curioso reperto bellico: sul lato sinistro dell’edificio è incastrata l’ogiva inesplosa di un proiettile conficcatosi nel muro il 16 agosto 1917, durante il bombardamento che precedette l’undicesima offensiva dell’Isonzo. Lungo il grande viale che arriva alla stazione, inoltre, si può notare il Sanatorio Pineta, l’ex hotel André, una casa di cura istituita, nel 1933, per la cura dei malati di polmoni. Una conferma, quindi, dell’aria buona del Carso. Ad Aurisina Cave la visita d’obbligo è quella alla Cava Romana, che sfrutta un calcare bianco, abbagliante, puro al 99,8 per cento. Si tratta di una delle cave a cielo aperto più grandi d’Europa, un’impressionante voragine di 110 metri. Con la pietra della cava di Aurisina sono state costruite alcune delle più belle città d’Europa: Aquileia, Roma, Vienna, Praga e la stessa Trieste. Appena fuori dal paese altri punti d’interesse possono attirare il viaggiatore attento alle tradizioni, alla cultura, alla storia e alla natura. Usciti dalla parte settentrionale del paese vecchio e superato il sottopassaggio della superstrada, si imbocca il sentiero di destra, che si spinge verso la dolina che ospita un cimitero austro-ungarico della Prima Guerra Mondiale. Qui riposano, in una zona tranquilla e silenziosa, 1984 soldati. Ritornando al sottopasso autostradale e spingendosi sino all’ardito viadotto ferroviario di Aurisina, uno dei più alti d’Italia, si arriva al sentiero che, con un paio di minuti di cammino, arriva alla Grotta Pocala, una caverna di circa 50 metri di diametro, uno scrigno di reperti veramente preziosi: nella Grotta Pocala, infatti, sono stati rinvenute migliaia di ossa appartenenti agli animali vissuti sul Carso nel paleolitico medio. Tanti i resti ritrovati spiccano quelli dell’Ursus spelaeus, presente con circa mille esemplari.

INFO PERCORSO

Il percorso “Camminata tra gli Olivi” è uno dei percorsi più articolati e affascinanti per la natura, la storia e le leggende che caratterizzano i luoghi interessati dall’evento. L’itinerario – scelto dall’amministrazione comunale di concerto con la Rete Landa Carsica,  i produttori, le aziende agricole, le associazioni e le istituzioni scolastiche – si snoderà tra le bellezze e le caratteristiche del Carso, per conoscere e promuovere i prodotti e le peculiarità di questa terra, tra ampi e spettacolari panorami che spaziano dal mare all’entroterra, tra vigneti e ulivi, tra i luoghi della storia del territorio, dalle trincee alle rovine della Prima guerra mondiale sul monte Ermada/Grmada e nei luoghi dove sono tuttora presenti simboli e manufatti dell’epoca romana.

Il ritrovo è previsto alle ore 8.30 a San Giovanni di Duino – Štivan presso la Chiesa di San Giovanni Battista, dove verrà offerto tè o caffè. La passeggiata vedrà la partecipazione di diverse guide, naturalistiche e storiche, e la presenza dei rappresentanti delle associazioni e dei produttori, posizionati nelle tre tappe previste della camminata. La prima tappa è prevista presso l’uliveto di Farma Jakne a San Giovanni di Duino con assaggi di olio, seguirà una sosta con assaggio olio nell’uliveto dell’azienda Svara a Medeazza – Medjevas, paese che ha vissuto tutti i drammi del Novecento attraverso le due Guerre Mondiali, distrutto e ricostruito più volte, che ha indirizzando il suo futuro all’agricoltura e al turismo. Il paesaggio rurale fa da sfondo alle varie aziende agricole, agrituristiche e trattorie che accoglieranno i partecipanti con assaggi e visite guidate alle mostre di pittura e fotografia allestite all’interno delle medesime strutture. La terza tappa ristoro con prodotti tipici locali è prevista presso la Trattoria Pino, mentre  la quarta  sarà presso l’uliveto Severjevi sempre a Medeazza.

L’ultima tappa ed arrivo saranno le foci del Timavo nei pressi della Basilica di San Giovanni in Tuba a San Giovanni di Duino/ Štivan, dove ad attendere il gruppo vi saranno i produttori di olio e degli altri prodotti del Carso. Visite guidate in loco della Basilica delle Foci, del Sentiero su Punta Bratina e dell’acquedotto Randaccio.

Itinerario

 Tempo di percorrenza: 2h
 Lunghezza del percorso: 5km
 Difficoltà: Facile
 Luogo di partenza: San Giovanni di Duino Štivan
 Orario di partenza: 8.30
 Info: info@prolocomitreo.it
 Telefono: 335 6115358

Cerca la città dell'Olio
che partecipa alla
Giornata nazionale della Camminata tra gli Olivi