Domenica 24 ottobre 2021
in 134 città dell'olio italiane

Cervaro (FR)



Due sono le tradizioni popolari che tentano di spiegare l’origine del nome di Cervaro: una di queste narra di un bianco cerbiatto che si recava a pascolare sul monte Pesculum e che sarebbe effigiato nello stemma della città. Un’altra lo ricollega alla dizione “Acerba ara”, che indicava il sepolcro del giovane patrizio romano Tertullo, difensore della città, ucciso dai Goti nel Vl secolo. Quando, nell’alto medioevo, l’abate di Montecassino Petronace fece costruire un castello a difesa del paese, lo chiamò “Castrum Cerbari”. Distrutta durante la battaglia di Cassino del 1943-44, la città è stata ricostruita con moderni criteri urbanistici. Da qui si diparte un percorso alternativo per raggiungere il Parco Nazionale d’Abruzzo, tramite la provinciale Cervaro-Viticuso. E proprio sulla provinciale, all’imbocco di una gola ai piedi del monte Aquilone, sorge il santuario della Madonna de’ Piternis. La chiesa fu consacrata nel 1408 attorno ad una piccola nicchia anteriore all’anno 1000, che sorgeva sul luogo dell’apparizione della Vergine ad una pastorella di Cervaro: un evento, forse il primo del genere in Italia, documentato negli archivi di Montecassino. La dizione “In piternis” è l’abbreviazione dialettale di “in sempiternis grati“.

INFO PERCORSO

Si parte da Piazza San Paolo, percorrendo la via Santo Stefano/Via Fistole si arriva al frantoio “Fusaro Antonio” dove si assiste alla lavorazione/dimostrazione della trasformazione del prodotto da olive ad olio. Si riprende verso la località Acquacandita con sosta per una breve preghiera al santuario “De’Piternis” di notevole interesse storico del XV secolo; si procede verso la zona ulivetata passando per il “fosso di cinquina, dove si terrà una dimostrazione della raccolta (oggi e come avveniva una volta). Ci si incammina continuando nelle strade degli uliveti fino alla fontana dell’Acquacandita e si arriva al frantoio di “Marocco Anna Maria” dove si terrà un assaggio di pane e olio e si potrà visitare lo stesso frantoio. Sul percorso di ritorno si effettuerà una sosta per visitare il Centro Storico del nostro bel paese passando dalla Chiesa di Santa Maria Maggiore, anch’essa non meno importante per interesse storico ed arrivando alla zona “Castello” per un’altra breve sosta ammirando il notevole panorama sulla vallata circostante. Analogo percorso sarà svolto in mountain bike con estensione anche alla località “Vallevecchia” si perde un percorso più facile (con meno dislivello) accessibile anche a bambini ed anziani.

Itinerario

 Tempo di percorrenza: 3h 30min
 Difficoltà: Media
 Luogo di partenza: Piazza San Paolo
 Orario di partenza: 8.30
 Info: luigigaglione1977@libero.it
 Telefono: 07763649211

Cerca la città dell'Olio
che partecipa alla
Giornata nazionale della Camminata tra gli Olivi