Domenica 28 ottobre 2018
in 120 città dell'olio italiane

Canino (VT)



Nelle fonti documentarie di età medievale Canino è nominato per la prima volta in una lettera di Papa Leone IV verso la metà del IX sec.; successivamente è menzionato come castello e centro fortificato (Castrum Canini), quando Papa Alessandro III lo cedette nel 1181 ai Viterbesi, assieme a Cellere e Castellardo.
Il momento di maggiore sviluppo della città è da porre in età rinascimentale, quando con la presenza dei Farnese, Canino entrò a fare parte del Ducatodi Castro.
Nella prima metà del 1400 il borgo primitivo venne fortificato da Ranuccio Farnese che eresse l’omonimo Palazzo, inglobando la vecchia Rocca medievale, dove nel 1468 nacque Alessandro, futuro papa Paolo III.
Fino alla distruzione di Castro nel 1649 Canino seguì la fortuna dei suoi signori, nel XVIII sec. con il ritorno di Canino sotto l’Amministrazione della Camera Apostolica la popolazione subì un forte calo demografico e l’edilizia un generale impoverimento.
Solo nei primi anni dell’ottocento, quando Canino venne venduta a Luciano Bonaparte ed eletta a Principato, il paese tornò a vivere una fase di rinascita.

INFO PERCORSO

Il percorso prevede la visita ad un oliveto storico e al termine la degustazione di olio presso un casale rurale.

Itinerario

 Tempo di percorrenza: 40min
 Lunghezza del percorso: 5km
 Difficoltà: Facile
 Luogo di partenza: Comune di Canino Via Roma 2
 Orario di partenza: 9.00
 Info: protocollo@comune.canino.vt.it
 Telefono: 328 2349136

In questa città trovi

 Produttori di olio: 1200
 Frantoi: 5
 Eventi dedicati all'olio:

1


 Ricetta tipica a base di olio EVO:

Acqua Cotta: verdure, pane e olio a volte arricchito da uovo, baccalà o salsiccia


Cerca la città dell'Olio
che partecipa alla
Giornata nazionale della Camminata tra gli Olivi