Domenica 29 ottobre 2017
in 119 città dell'olio italiane

Castelnuovo Berardenga (SI)



Incastonato tra le fertili colline del Chianti e l’incredibile paesaggio delle crete, il vasto territorio comunale di Castelnuovo Berardenga circonda Siena a Nord e ad Est. Il paesaggio è quello delle colline che separano il primo tratto della valle dell’Ombrone da quella del suo affluente Arbia, che in alcuni tratti segna il limite amministrativo. Territorio di antico insediamento, la Berardenga prende il suo nome dal nobile Berardo di stirpe franca, vissuto nella seconda meta del X secolo e discendente da quel Guinigi da Lucca che, tra l’867 e l’881, era stato Conte di Siena. Fin dalla metà del XII secolo, Siena cominciò a esercitare un sempre più stretto controllo sul territorio della Berardenga. Un secolo dopo, la maggior parte dei castelli era inserita nell’amministrazione senese. Le numerose chiesette romaniche, sparse nel territorio, ricordano il grande sviluppo economico e demografico registrato nel XII e XIII secolo. Uno dei fatti che più colpisce, della sua storia medioevale, è il numero elevatissimo di castelli. Fra i tanti, merita menzione quello di Montalto, posseduto dai Berardenghi fin dal secolo IX. Le testimonianze insediative del medioevo non si limitano soltanto alle chiese, ai monasteri e ai castelli ma accanto a queste costruzioni di impianto guerresco o religioso, sorsero ville fortificate e case signorili che precludevano all’incipiente rinascimento.

INFO PERCORSO

Castelnuovo Berardenga e’ terra di antiche tradizioni, ricca di ville e residenze, dove in passato le coltivazioni della vite e dell’olivo hanno preso il posto ai boschi, e oggi hanno acquistato importanza economica e fama internazionale. Le caratteristiche del clima, del terreno e le diverse altitudini rendono il territorio del chianti una regione vocata alla produzione di olio di qualità: accanto ai filari di viti, l’olivo diventa elemento caratteristico del paesaggio della campagna castelnovina. La passeggiata sarà guidata da un esperto locale dell’associazione g.e.b. e percorrerà un tragitto all’interno delle olivete del chianti sul crinale in direzione di Vagliagli. Al ritorno e’ prevista una degustazione di bruschetta con “olio novo” presso il vicino frantoio di dievole. Su prenotazione, i partecipanti potranno aderire al “pranzo della frangitura” presso il ristorante “Peposo”.

Itinerario

 Tempo di percorrenza: 3h 30min
 Lunghezza del percorso: 10km
 Difficoltà: Media
 Luogo di partenza: Pianella, Ponte sull’Arbia c/o Piazzale del Ristorante “Peposo”
 Orario di partenza: 8.30
 Info: ufficio.turistico@comune.castelnuovo.si.it
 Telefono: 0577 351337

Cerca la città dell'Olio
che partecipa alla
Giornata nazionale della Camminata tra gli Olivi